27 aprile 2018
Aggiornato 02:30
L'indagine

Pilotata la gara per smantellare le torri della Guerra fredda: smascherati dalla Gdf

Nei guai tre imprenditori (due romeni e un italiano): lavori svolti in maniera superficiale, gara indetta per spostare l'attenzione degli investigatori

Una torretta di avvistamento risalente alla Guerra Fredda (© )

GORIZIA - Truffa aggravata a danno dello Stato e turbativa d’asta sono i reati accertati al termine di un’articolata attività investigativa coordinata dal Procuratore della Repubblica Aggiunto di Udine, Raffaele Tito, nei confronti di un funzionario già in servizio presso la Direzione Regionale dell’Agenzia del Demanio di Udine, e di tre imprenditori, uno cittadino italiano e due fratelli di nazionalità romena, del centro Italia.

L’indagine ha preso avvio grazie all’acume investigativo di alcuni finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Gorizia che, nel corso della costante attività di controllo economico del territorio, hanno riscontrato l’esistenza di lavori di messa in sicurezza/bonifica di alcune opere di fortificazione permanente, realizzate per scopi difensivi nel periodo post-bellico a ridosso della linea di confine, retaggio della Guerra fredda. In particolare, le Fiamme Gialle goriziane hanno rilevato come tali lavori fossero stati svolti in maniera superficiale e apparentemente finalizzati all’esclusiva asportazione delle cupole blindate in metallo del peso di alcune tonnellate l’una, successivamente cedute/consegnate ai centri per il recupero del metallo, e non anche alla messa in sicurezza delle strutture che le ospitavano. Proprio nel corso degli accertamenti avviati per chiarire gli aspetti di tali attività di «bonifica», eseguiti anche monitorando alcuni siti web e forum frequentati da appassionati di fortificazioni militari ed in parte anche sulla scorta di alcune notizie apparse sulla stampa locale, i finanzieri hanno riscontrato l’esistenza di un’unica gara d’appalto indetta nell’anno 2012 dalla Direzione Regionale dell’Agenzia del Demanio per il Fvg. con sede a Udine, finalizzata alla cessione di 30 cupole/torrette metalliche ubicate su altrettante fortificazioni. L’esito delle indagini ha fatto emergere un quadro tutt’altro che favorevole alle casse dello Stato nonostante l’elevatissimo business economico derivante dal recupero di tali pregiati materiali (trattasi di acciaio balistico). Infatti, non solo è emerso che la gara indetta è stata un maldestro tentativo di spostare l’attenzione degli investigatori dalle pregresse numerose cessioni gratuite dei medesimi materiali, ma la stessa è stata «pilotata» per far si che, alla fine, i bunker metallici venissero di fatto acquistati dalle medesime imprese che sino ad allora si erano accaparrate tonnellate di acciaio balistico, del valore di centinaia di migliaia di euro, senza alcun introito per l’Erario.

 Gli investigatori del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Gorizia stanno ora ricostruendo, in collaborazione con l’Esercito Italiano e con l’attuale Direttore Regionale dell’Agenzia del Demanio per il Friuli Venezia Giulia, quante siano state le cessioni «gratuite» delle cupole/torrette metalliche dei bunker, avvenute tra il 2010 ed il 2012, al fine di determinare il corrispondente danno Erariale.