15 dicembre 2017
Aggiornato 13:00
Basket

Ardita a Oderzo contro la tradizione

Contro la Coe gli uomini di coach Busolini tentano l'assalto alle zone alte della classifica, guidata da Tarcento e Caorle

Test Oderzo per l'Ardita (© )

GORIZIA - Ardita Gorizia a caccia del secondo colpo esterno stagionale domani a Oderzo. I biancoblu sono reduci dal successo in rimonta, dopo un overtime, sulla Guerriero Padova, e vincendo compirebbero un balzo importante nelle zone alte di una classifica al momento piuttosto corta: ben nove le squadre racchiuse in due punti dietro le battistrada Tarcento e Caorle.

Tradizione negativa a Oderzo
La squadra opitergina è un cliente molto difficile, e non solo per la tradizione sfavorevole, dato che a Oderzo l’Ardita ha sempre rimediato referti gialli.  I veneti vantano un quintetto di prim’ordine, in cui spicca la coppia di lunghi più incisiva della categoria: le torri Basei e Raminelli. Francesco Basei, in particolare, è da podio in numerose statistiche individuali del girone triveneto: rimbalzi totali, rimbalzi offensivi, stoppate, media punti e valutazione. Guai, però, a pensare che arginare Basei sia sufficiente per bloccare Oderzo. I pericoli arrivano anche dagli esterni, con firme d’autore come quelle di Giancarlo «Pistolero» Palombita, che primeggia nella graduatoria degli assist e delle palle recuperate, e dell’ex serie A Alberto Causin, che pare aver ritrovato la piena efficienza fisica dopo un’annata travagliata al Petrarca tanto da viaggiare a 18 punti di media. In cabina di regia si alternano l’altro ex Petrarca Elia Crestani e il confermato Marco Tridente. Sono questi i sei uomini su cui ruota la Coe Oderzo di coach Giovanni Teso, a completare il roster troviamo le guardie Davide Dal Magro e Paolo Lorenzon, impiegati con minutaggio decisamente inferiore.

Busolini: «Fiducia nei nostri mezzi»
L’architetto Giovanni Busolini vuol rivedere l’intensità difensiva che ha propiziato la rimonta sulla Guerriero. «Partiamo da un dato positivo per cercare di ripeterci, i 21 punti subiti nel secondo tempo contro Padova. Oderzo è una squadra costruita per vincere, con la coppia di lunghi più prolifica del campionato per punti e rimbalzi, a cui si aggiungono altri due giocatori di altra categoria come Causin e Palombita, non sarà affatto facile. L'obiettivo è cercare di fare le nostre cose sempre un po' meglio, collaborando, con lucida aggressività e fiducia nei nostri mezzi». Coe Oderzo-Ardita Gorizia si disputa domani alle 18 al palasport opitergino di via Pontremoli, arbitrano Bergamin di Noale e Langaro di Arzignano.