24 novembre 2017
Aggiornato 01:00
Incontro a Shanghai

Joint venture tra Fincantieri e colosso cinese

Il leader italiano e la Cssc, importante industria cantieristica della Cina, hanno siglato un importante accordo per sviluppare il mercato delle navi da crociera

Fincantieri: firmata joint venture in Cina per crocieristica (ę Adobe stock | Nightman1965)

MONFALCONE - Ieri l'annuncio dell'importante accordo di joint venture tra Fincantieri e China State Shipbuilding Corporation (Cssc), il più importante conglomerato cantieristico della Cina. La partnership intende sviluppare l'industria cinese nel settore della costruzione di navi da crociera. Per Fincantieri significa assumere un ruolo da protagonista in un mercato altamente strategico e con grandi potenziali di crescita. Come notificato dall'agenzia di stampa Ansa, l'incontro è avvenuto a Shanghai tra l'amministratore delegato di Fincantieri, Giuseppe Bono, il presidente di Cssc, Wu Qiang e il presidente di Cssc Cruise Technology Development e del cantiere Shanghai Waigaoqiao Shipbuilding (Sws), Wang Qi. Presenti alla firma dell'accordo anche l'ambasciatore d'Italia in Cina, Ettore Sequi, e il console generale a Shanghai, Stefano Beltrame.