23 settembre 2017
Aggiornato 05:30
L'opera di Irisacqua

Grado ha un nuovo depuratore delle acque

Con il contributo regionale, l'impianto biologico è costato quasi 5,5 milioni di euro: ha una capacità di 16mila metri cubi d'acqua e serve 80mila abitanti

Grado, l'assessore Sara Vito "il nuovo depuratore dell'acqua rispecchia le ambizioni della Regione Fvg" (© Produzioni TV Regione FV)

GRADO - Opererà a favore di 80mila persone, tra residenti e turisti, il nuovo depuratore delle acque inaugurato a Grado. L'impianto, realizzato da Irisacqua, azienda a capitale pubblico di 25 Comuni isontini, è costato quasi 5,5 milioni di euro, con un contributo della Regione Fvg di 1,1 milione. Il depuratore può trattare quotidianamente 16mila metri cubi di acqua attraverso una linea che parte dalla rimozione dei materiali grossolani, delle sabbie, degli olii e dei grassi, fino ad arrivare dopo vari trattamenti di purificazione alle tre vasche di equalizzazione, utili a limitare le concentrazioni elevate di cloruri sfavorevoli al trattamento biologico. L'opera, totalmente biologica, è stata verificata dai tecnici dell'Arpa con prelievi alla fine dello scarico a mare. «Consegniamo alla comunità una struttura di eccellenza e di alta tecnologia, dopo aver superato diverse complessità», è il commento dell'assessore regionale all'Ambiente e all'Energia Sara Vito, intervenuta alla cerimonia di inaugurazione assieme al presidente della Provincia di Gorizia Enrico Gherghetta, al sindaco di Grado Dario Raugna e ai vertici di Irisacqua. Per quanto riguardo il litorale gradese sono in corso altre procedure per un completo adeguamento della rete fognaria, con uno stanziamento della Regione di quasi 3 milioni di euro.