24 settembre 2018
Aggiornato 05:30

Sequestrate 13 autovetture di contrabbando: 20 mila euro evasi dai proprietari

Non avevano richiesto autorizzazione per importazione temporanea. Sequestrate auto del valore totale di 200 mila Euro. Un’operazione volta anche a tutelare i cittadini extra comunitari che hanno rispettato la legge.
Guardia di finanza a Gorizia
Guardia di finanza a Gorizia (Gdf Gorizia)

GORIZIA - Erano residenti nel territorio nazionale da anni, avevano ottenuto il rilascio di carte d’identità, patenti di guida e permessi di soggiorno, lavoravano stabilmente in Italia come liberi professionisti o dipendenti e, in alcuni casi, era stata loro riconosciuta la cittadinanza italiana: tuttavia possedevano autovetture, anche di lusso e di grossa cilindrata, immatricolate in Paesi extra U.E. senza aver richiesto autorizzazione alla temporanea importazione dei veicoli per uso privato.

Evasione consistente
In questo modo erano riusciti ad evadere dazi doganali per circa 20 mila euro, ad evitare il pagamento del bollo auto, a beneficiare di prezzi molto vantaggiosi per le coperture assicurative e a rendersi «irreperibili» in caso di violazioni al codice della strada non contestate immediatamente.
La Compagnia della Guardia di Finanza di Gorizia li ha individuati e ha eseguito il sequestro amministrativo di ben 13 autovetture, del valore complessivo di circa 200 mila euro, immatricolate in Ucraina, Bosnia Erzegovina, Serbia e Moldavia.
Il reato è quindi di «Contrabbando nell’importazione temporanea dei veicoli». L’operazione è stata eseguita anche nella tutela degli interessi dei cittadini extracomunitari che, invece, hanno rispettato la legge richiedendo l’autorizzazione.