15 dicembre 2017
Aggiornato 11:00
L'INTERVENTO

Sicurezza del fiume Isonzo: fondamentali le opere di prevenzione

"Gli investimenti importanti che la Regione ha attuato negli ultimi anni, in particolare nella zona che interessa il comune di Gradisca - ha detto l'assessore Vito - si sono dimostrati efficaci"

L'assessore regionale Sara Vito (© Regione Friuli Venezia Giulia)

GORIZIA - «Gli investimenti importanti che la Regione ha attuato negli ultimi anni per garantire la sicurezza dell'Isonzo, in particolare nella zona che interessa il comune di Gradisca, si sono dimostrati efficaci quanto essenziali nel momento in cui le opere realizzate sono state messe a dura prova. Puntare sulla prevenzione - evidenzia l'assessore all'Ambiente del Friuli Venezia Giulia, Sara Vito - vuol dire innanzitutto intervenire sulla manutenzione dei fiumi con costanza, utilizzando al meglio le risorse a disposizione e ottimizzando i risultati».

«Grazie alla concreta e costante attenzione che il servizio regionale Difesa del suolo ha dedicato ai corpi arginali del
fiume Isonzo e dei suoi affluenti
- sottolinea ancora Vito - è stato garantito il regolare deflusso delle acque in occasionedell'ondata di piena dello scorso 6 novembre, quando le rilevazioni dell'idrometro a Gradisca d'Isonzo hanno superamento ampiamente i livelli di guardia».

«In questo modo - commenta l'assessore - abbiamo scongiurato eventuali danni ai centri abitati presenti lungo i corsi d'acqua, ponendo anche le basi affinché i volontari della Protezione civile e il personale addetto alla piena siano in grado di lavorare al meglio».