18 dicembre 2017
Aggiornato 02:00
il 27 agosto la 3^edizione

Turismo, l'Aquaticrunner promuove le ricchezze rivierasche

La gara che abbina la corsa podistica sulla sabbia al nuoto, sulle spiagge e attraverso i canali delle isole tra Grado, Marano e Lignano

GORIZIA - «La terza edizione dell'Aquaticrunner Italy XTriM Border Lagoon, la gara che abbina la corsa podistica sulla sabbia al nuoto e si correrà sulle spiagge e attraverso i canali delle isole tra Grado, Marano e Lignano, il prossimo 27 agosto, rappresenta un'occasione importante per dare visibilità e far conoscere e apprezzare le ricchezze insite nell'ambiente naturale e nei paesaggi del litorale friulano». Con queste parole il presidente del Consiglio regionale, Franco Iacop, è intervenuto a rappresentare la Regione all'anteprima dell'evento sportivo, nella sala convegni del Coni, allo stadio Friuli, per evidenziare come le spiagge che si trovano sulle isole tra il litorale adriatico e le lagune di Grado e di Marano bene rappresentino una delle innumerevoli prerogative che lo scrigno di biodiversità, che è il Friuli Venezia Giulia, racchiude, e che prospetta a chi le sa conoscere, le può raggiungere o apprezzare.

La manifestazione, una gara estrema di swimrun, che consiste nella pratica del nuoto e della corsa alternate e in maniera continua priva di zone di transazione tra le due discipline, abbina, ha detto Iacop, il gesto sportivo di un'attività fisica impegnativa, con la possibilità di percorrere luoghi solitamente frequentati da pochi, ma forse anche per questo preservati nella loro naturale bellezza. A conferma di ciò, come hanno ricordato gli organizzatori, tra essi il direttore della corsa Matteo Benedetti, i luoghi attraversati hanno già lasciato un ricordo indelebile negli atleti che vi hanno preso parte negli anni scorsi, e che sono a conoscenza dei litorali più esclusivi e paesaggisticamente affascinanti del globo.

La corsa abbinata al nuoto, ha detto il nuovo delegato provinciale del Coni, Alessandro Talotti, già campione di
atletica leggera, reca tra le valenze uno dei più elevati gradi di difficoltà fisica.
Mentre il vicesindaco di Lignano, Vico Meroi, ha ricordato che la gara suscita interesse anche perché mira a valorizzare l'area rivierasca, che si colloca tra le due principali spiagge della regione assieme a Marano Lagunare.
Marano, che è la città friulana della pesca di parlata veneta, che come ha ricordato l'assessore allo sport, Riccardo Braggion, sul territorio propone una grande ricchezza di biodiversità e paesaggi.

La gara si snoderà lungo 30 km tra la battigia di Grado, i canali che sfociano dalla Laguna al mare, sul territorio di Marano Lagunare, e le dune di Lignano del villaggio Getur, per concludersi con una scenografica fuoriuscita dall'acqua marina all'arrivo, sulla spiaggia di Lignano Pineta.
Tra gli iscritti ci sono già assi del triathlon, una delle più dure specialità del mondo sportivo tanto che i vincitori
conquistano il titolo di 'Ironman' (uomo d'acciaio), c'è già il tedesco Faris Al-Sultan. Il quale ha anticipato di apprezzare le acque marine calde di Lignano, e in particolare «il suo paesaggio mozzafiato».