25 maggio 2017
Aggiornato 22:00
da giovedì 18 a domenica 21 maggio

A Cervignano lo spettacolo sulla dipendenza da gioco d'azzardo "Cannibali brava gente"

Ludopatie: spetta anche all’arte, e in particolare a uno spettacolo teatrale, provare ad affrontare la problematica, l’impatto sociale e affettivo della dipendenza da gioco d’azzardo

"Cannibali brava gente" interpretato in scena da Manuel Buttus (© Foto Luca d'Agostino)

GORIZIA - Ludopatie: spetta anche all’arte, e in particolare a uno spettacolo teatrale, provare ad affrontare la problematica, l’impatto sociale e affettivo della dipendenza da gioco d’azzardo. Di chi è vittima di questa dipendenza racconta infatti Cannibali brava gente – Jackpot mi(g)lionario, un testo scritto da Giorgio Monte e interpretato in scena da Manuel Buttus del teatrino del Rifo, prodotto dal Css Teatro stabile di innovazione del Fvg, con la consulenza scientifica degli operatori della A.A.S. n. 2 'Bassa Friulana-Isontina' - Struttura Complessa Alcologia e Dipendenze Patologiche. Lo spettacolo sarà in scena per quattro sere, a partire da giovedì 18 maggio al TeatroLoize Bratuz (inizio alle 20.30) di Gorizia, ospite del Rotary Club Gorizia.

Trama
Cannibali brava gente ci mette in ascolto delle storie di tre giocatori. Roberto, Antonio, Mario. Un operaio, un manager, uno studente. Persone con una famiglia, un lavoro, dei progetti di vita, come tutti. Persone che si sono illuse di cambiare vita, e che il gioco, la vita, gliel’ha cambiata veramente. Tre storie emblematiche che raccontano un fenomeno sociale impressionante, con centinaia di migliaia di giocatori che iniziano a giocare per caso e diventano giocatori compulsivi che non riescono a smettere e continuano a perdere. 

Repliche
Sarà poi replicato il 19 maggio  a Campolongo Tapogliano (Salone Municipale), 20 maggio Visco (Oratorio Parrocchiale),  21 maggio Cervignano del Friuli (Casa della Musica), nell’ambito di Teatro nei Luoghi, la rassegna di spettacolo dal vivo itinerante fra 17 Comuni friulani e promossa da Associazione Prospettiva T,  con il sostegno di Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e la partecipazione di Associazione culturale Teatro Pasolini e Fondazione Friuli. 

Info: cssudine.itwww.teatropasolini.itinfo@cssudine.it, t. 0432.504765