23 ottobre 2017
Aggiornato 22:30
tutela ambiente e salute

Ambiente: dai cittadini utili indicazioni per il convegno del prossimo 7 giugno

Un incontro con i Comitati rionali di Monfalcone ha consentito all'assessore regionale all'Ambiente ed energia, Sara Vito, di confermare l'attenzione dell'Amministrazione per le problematiche della comunità locale, e più in generale per i temi della qualità dell'aria e dell'inquinamento

Ambiente: Vito, dai cittadini utili indicazioni per convegno del prossimo 7 giugno (© Regione Friuli Venezia Giulia)

MONFALCONE - Un incontro con i Comitati rionali di Monfalcone ha consentito all'assessore regionale all'Ambiente ed energia, Sara Vito, di confermare l'attenzione dell'Amministrazione per le problematiche della comunità locale, e più in generale per i temi della qualità dell'aria e dell'inquinamento. Attenzione che si consoliderà ulteriormente il prossimo 7 giugno, in occasione del convegno organizzato a Monfalcone dall'Arpa Fvg per conto della Regione, con l'obiettivo di illustrare ai cittadini lo stato dell'arte delle iniziative intraprese, e poste in essere, per la tutela dell'ambiente e della salute, in particolare nel Monfalconese.

 

L'assessore Vito ha precisato che tale evento servirà «per raccogliere le preoccupazioni e le attese degli abitanti della città e illustrare loro le iniziative in atto e già concretizzate». "Ma anche - ha aggiunto - per sviluppare un costruttivo e sereno dibattito con la popolazione su argomenti che riguardano la qualità della vita e la salute di tutti». Vito, nel corso della riunione tenutasi in località Largo Isonzo a Monfalcone, ha colto l'occasione per ricordare le azioni avviate dalla Regione fin dall'inizio della legislatura, che riguardano la predisposizione del piano regionale amianto, la questione dei dragaggi e del traffico pesante. E ha affermato che «il piano regionale amianto sarà lo strumento che consentira alla Regione di sviluppare un'azione continuativa e costante per il monitoraggio della situazione e della presenza del minerale nell'ambiente, e per prevenirne gli effetti e garantire sicurezza ai cittadini».

Nel frattempo la Regione, che in questi ultimi anni ha moltiplicato le risorse per l'ambiente, ha già previsto fondi per i Comuni per la rimozione dell'amianto; con lo stesso obiettivo, ha da poco definito provvedimenti per l'erogazione di contributi ai privati. E si appresta a prevedere forme di sostegno per la rimozione dell'amianto anche a vantaggio delle imprese, per un totale di 1,3 milioni di euro. L'impegno dell'Amministrazione regionale nei confronti di Monfalcone, ha insistito Vito, è confermato da un altro evento molto importante, che avrà svolgimento sempre nella città dei
cantieri il prossimo 19 giugno. Monfalcone, sarà infatti sede della seconda tappa dell'evento nazionale Città dell'amianto, promosso dall'Anci, e organizzato in collaborazione con il Comune.

Tra le altre iniziative della Regione ricordate dall'assessore Vito nel corso dell'incontro, vi è l'impegno a seguire il processo di riconversione della centrale termoelettrica di Monfalcone.
Mentre, per quanto attiene alla salute dei cittadini, in sinergia con l'assessorato alla salute, sono stati svolti studi epidemiologici; l'ultimo in ordine di tempo ha consentito studiare gli effetti della presenza delle Pm10 nell'aria, che verranno illustrati nel convegno del 7 giugno.
Nel contempo la Regione, ha concluso Vito, di recente ha vinto un bando nell'ambito del programma Horizon 2020 con il progetto NeMo, per la sostituzione di automobili pubbliche alimentate a
combustibile tradizionale con vetture elettriche.