24 giugno 2017
Aggiornato 12:00
Mercoledì 21 giugno

Anteprima Cormònslibri: Solstizio d’estate alla Chiesa di San Quirino

La Festa delle ombre si terrà, a partire dalle 21, nel luogo che ha recentemente ospitato con notevole successo lo spettacolo ‘Li Romani in Russia’ di Simone Cristicchi, in occasione di Dialoghi

Anteprima Cormònslibri: Solstizio d’estate alla Chiesa di San Quirino (© Cormònslibri)

CORMONS - Il solstizio d’estate, per l’associazione Culturaglobale, è ormai una tradizione e per questo il 21 giugno sarà caratterizzato da un evento veramente suggestivo, realizzato in collaborazione con il Comune di Cormòns (Go). La Festa delle ombre si terrà, a partire dalle 21, nella chiesa di San Quirino, luogo che ha recentemente ospitato con notevole successo lo spettacolo ‘Li Romani in Russia’ di Simone Cristicchi, in occasione di Dialoghi. Un’idea che nasce casualmente da un incontro in teatro fra Renzo Furlano, direttore artistico di Culturaglobale, e Nicola Sorrenti; da qui, l’idea di co-produrre uno spettacolo per un’occasione speciale in un luogo di grande fascino. Un viaggio, i ricordi d'infanzia, le tradizioni, un cuore spezzato, tanta ricerca... mettere tutto a bagno in acqua di fonte e aggiungere un pubblico caldo, un tramonto di mezz'estate e la voglia di cambiare. Ecco gli ingredienti della ‘Festa delle ombre’, una messinscena contemporanea per celebrare il rito del solstizio d'estate. Con letture scelte, erbe officinali e canti, Nicola Sorrenti nel ruolo dell’irriverente spirito del solstizio d’estate, narrerà al pubblico l’antico senso di questa Festa che invita al gioco, alla liberazione collettiva, alla riconciliazione con la natura e con ciò che di oscuro, irrazionale, folle c’è in noi. La partecipazione all’evento è gratuita; all’interno della chiesetta sono garantiti circa 100 posti. Il pubblico è invitato a raggiungere la chiesetta in bicicletta, con partenza da piazza XXIV maggio alle ore 20.15; vivamente consigliato inoltre, arrivare sul posto muniti di torcia elettrica (la località è sprovvista d’illuminazione).

I protagonisti
U-Combo La ‘combo’ artistica di Nicola Sorrenti (attore e cantante) e Matilde D’Accardi (attrice e drammaturga) inizia nel 2011 con la cena con delitto porno-punk Squillo e Tacchi a Spillo e la pizzata musical-sentimentale. L’Arte dell’Incontro, oltre a CenaSalvaCrisi e Abbonamento a posto fisso. Nasce così U-Combo, un duo alla ricerca di linguaggi, forme e drammaturgie per riavvicinarsi davvero con umiltà, rispetto e ironia allo spettatore. Nicola Sorrenti attore all’Accademia d’Arte Drammatica ‘Silvio d’Amico’. Per la televisione ha recitato in Fuoriclasse, Don Matteo 7 e La Nuova Squadra 2. Nel cinema in Grande Sogno regia di Michele Placido e Cose Cattive regia di Simone Gandolfo. Ha recitato in teatro e, fra le sue performance, ricordiamo: Sweeney Todd, Pinter’s people, Fantàsia Arlechìna, Sogno d’una notte d’Estate e Nudi e crudi con la regia di Serena Sinigaglia, assieme a Maria Amelia Monti e Paolo Calabresi, in una produzione a.ArtistiAssociati di Gorizia.

Lo spettacolo
La Festa delle Ombre è una lettura scenica. Ideazione del duo U-Combo; co-produzione duo U-Combo e Cormònslibri, assieme a Nicola Sorrenti; drammaturgia di Matilde D’Accardi; direzione musicale di Gabriella Aiello.

Il Solstizio d’Estate
Il 21 giugno si celebra il solstizio d’estate, il giorno in cui il Sole raggiunge il punto più settentrionale (cioè più alto rispetto all’orizzonte) nei nostri cieli, donandoci il massimo numero di ore di luce possibili nell’arco di una giornata. Fin dai tempi antichi i solstizi furono festeggiati un po’ ovunque, ad esempio nell’antica Grecia, nell’antica Roma, ma anche nell’America precolombiana. Questo momento è strettamente collegato al tema della rinascita e di un nuovo inizio. In passato il solstizio d’estate era associato a significati profondi, con riti legati al ciclo dell’agricoltura e della natura. Il periodo tra il 21 giugno e il 24 giugno è il migliore per raccogliere le erbe spontanee e le piante officinali, con particolare riferimento alla melissa e all’iperico o erba di San Giovanni. Per tradizione, in molte regioni d’Italia, in queste giornate si preparano l’oleolito di iperico e il nocino.

www.cormonslibri.it