21 ottobre 2018
Aggiornato 03:30

«Dolente metamorfosi», la mostra apre alla Biblioteca Isontina

La personale di Andrej Kosič aprirà il 23 giugno alle 18 e resterà aperta fino al 15 luglio nella Galleria d'arte «Mario Di Iorio». Ecco tutti i dettagli per non perderla
Un dipinto della mostra «Dolente metamorfosi»
Un dipinto della mostra «Dolente metamorfosi» (Andrej Kosič)

GORIZIA - Si intitola «Dolente metamorfosi» la personale di Andrej Kosič che apre dal 23 giugno alle 18 e resterà aperta fino al 15 luglio nella Galleria d'arte «Mario Di Iorio» della Biblioteca statale isontina di Gorizia. Esposti acquerelli e olii del pittore goriziano, scelti dal curatore Alessandro Quinzi. Se dell'artista si conoscono soprattutto i motivi paesaggistici questa mostra invece si concentra sull'uomo, scrive Verena Zorn Koršič nella brouchure bilingue in italiano e sloveno che accompagna l'esposizione. Lavori che propongono una riflessione sulle sofferenze e sulle ingiustizie contro l'uomo perpetrate in ogni epoca. Nato nel 1933 a Rupa il pittore vive lavora a Gorizia. Lunga la sua carriera espositiva in Italia all'estero iniziata nel 1954 a tutt'oggi intensa e ricca di successi e riconoscimenti. Noto soprattutto come acquerellista nella tradizione realistica figurativa postimpressionista, si dedica anche alla pittura a olio e, saltuariamente, al design grafico e all'illustrazione libraria. La mostra sarà aperta da lunedì a venerdì dalle 10.30 alle 18.30 il sabato fino alle 13 con ingresso libero.