19 ottobre 2017
Aggiornato 16:00
Viabilitą

Santoro, nuova strada per la zona industriale di Monfalcone

Un'opera che, entro 180 giorni, andrą a risolvere un concreto problema ambientale e di qualitą della vita sofferto dai residenti del rione di Panzano i quali sono costretti a subire il cosiddetto traffico parassita che genera inquinamento e crea una situazione di sostanziale disagio

Santoro, nuova strada per la zona industriale di Monfalcone (© Regione Friuli Venezia Giulia)

MONFALCONE - Un'opera che, entro 180 giorni, andrà a risolvere un concreto problema ambientale e di qualità della vita sofferto dai residenti del rione di Panzano i quali sono costretti a subire il cosiddetto traffico parassita che genera inquinamento e crea una situazione di sostanziale disagio. Questo il concetto espresso, a Monfalcone, dall'assessore regionale alle Infrastrutture, Mariagrazia Santoro, nel corso della cerimonia di consegna dei lavori alla ditta appaltatrice (Adriastrade srl di Monfalcone) per la realizzazione di una di quelle opere necessarie a costruire un itinerario alternativo per il collegamento dal casello autostradale di Monfalcone Ovest all'area industriale Schiavetti Brancolo e nella quale sono presenti, tra le altre, Fincantieri e Ansaldo.

Nel dettaglio, il nuovo tratto stradale rappresenta la continuazione di via dei Canneti, la quale si collegherà direttamente a via dell'Agraria. Per garantire una maggiore fluidità veicolare è prevista la costruzione di due rotatorie (una all'innesto con la stessa via dell'Agraria, l'altra all'intersezione con via Boschetti), oltre ad una pista ciclopedonale larga 2,5 metri che costeggerà tutta la via. Il costo complessivo dell'opera ammonta a 988.761,05 euro, compresi gli oneri per la sicurezza.

Santoro, dopo aver sottolineato come tutta la filiera decisionale (Regione, Fvg Strade e Comune di Monfalcone) abbia lavorato in sinergia per il conseguimento dell'obiettivo, si è soffermata sulla funzionalità del progetto che prevede anche una pista ciclabile «a riprova del fatto che, in una visione contemporanea della mobilità, anche i luoghi di lavoro debbono poter essere raggiungibili agevolmente attraverso mezzi di trasporto alternativi come la bicicletta». Nell'occasione l'assessore ha anche comunicato l'avvio di un dialogo con Fincantieri per la realizzazione del nuovo parcheggio, sul quale ci sono da parte dell'azienda alcune proposte che comprendono delle aree demaniali. Su questo punto in particolare è iniziato uno specifico confronto. «Il risultato a cui puntiamo - ha affermato Santoro - è quello di una città più vivibile, dove costruire un'armonia fra i luoghi del lavoro e quelli dell'abitare».

Da parte sua, il presidente di Fvg Strade, Giorgio Damiani, ha parlato di un'opera fortemente voluta dal territorio e il cui avvio dei lavori testimonia il grande clima di collaborazione che si è instaurato fra le istituzioni.
Alla cerimonia di consegna dei lavori ha partecipato anche il sindaco della città dei cantieri, Anna Maria Cisint, la quale, dopo aver ringraziato Regione e Fvg Strade per la collaborazione, ha ribadito l'importanza dell'opera soprattutto per il rione di Panzano che, grazie a questa nuova arteria, verrà alleggerito dall'invasività del traffico pesante diretto verso la zona industriale.