17 ottobre 2017
Aggiornato 07:30
salute

Telesca, secondo i dati Crea nel 2015 è migliorata la posizione del Fvg

Sono 160 le pagine del rapporto Crea Sanità dell'Università di Roma Tor Vergata per la ricerca economica sanitaria che misura le performance delle regioni

Telesca, secondo i dati Crea nel 2015 è migliorata la posizione del Fvg (© Regione Friuli Venezia Giulia)

GORIZIA - L'assessore regionale alla Salute Maria Sandra Telesca invita a leggere con cura le 160 pagine del rapporto Crea Sanità dell'Università di Roma Tor Vergata per la ricerca economica sanitaria che misura le performance delle regioni, che ha confrontato l'annualità 2015 con quella del 2013.

 

«Si può constatare che quel rapporto registra il Friuli Venezia Giulia tra le regioni più critiche già nel 2013 e che però, proprio quel rapporto, situa al 2015 il momento dell'inversione di tendenza verso il miglioramento: questo nella sintesi finale del rapporto è evidenziato in modo esplicito», spiega l'assessore.
«E' quindi di tutta evidenza che questa giunta ha raccolto l'eredità di un Sistema sanitario regionale in situazione critica, almeno stando ai parametri evidenziati dal rapporto Crea: e questo dovrebbe bastare anche per rispedire al mittente le dichiarazioni del capogruppo di FI Riccardo Riccardi», rileva Telesca.

«Dai primi giorni del nostro insediamento ci siamo messi al lavoro, consapevoli che ci fosse molto tempo e molte scelte non fatte da recuperare: i parametri che il rapporto Crea riporta nel 2015 ovviamente non possono riflettere ancora gli effetti della riforma, che con orgoglio rivendichiamo come necessaria, e che altri sistemi di rilevazione hanno già intercettato», aggiunge l'assessore. Telesca segnala a tal proposito che i sistemi di misurazione delle performance del Ssr riferiti a dati del 2016 «ci danno in netto miglioramento su molti fattori e come, ad esempio, Cittadinanza attiva abbia messo al primo posto il Fvg per l'importante percorso sulla prevenzione e cura dell'ictus cerebrale».

«Spiace quindi deludere il consigliere Ussai che, preso dall'ansia 'da opposizione a tutti i costi', ha espresso giudizi frettolosi, entrando in contraddizione: meglio sarebbe leggere con cura i rapporti, perché la sanità è cosa complessa e affrontarla necessita approfondimenti oltre che onestà intellettuale», afferma Telesca. «Quando il consigliere pentastellato si è messo a citare il rapporto non vedeva l'ora di poter attaccare la giunta perché secondo questo report il sistema sanitario del Friuli Venezia Giulia risulterebbe al penultimo posto in Italia. Purtroppo, se la fretta fa i gattini ciechi, in questo caso ha offuscato la vista di un consigliere o - conclude Telesca - forse due».