18 dicembre 2017
Aggiornato 02:30
fino al 29 luglio

Biblioteca di Gorizia, prorogata la mostra di Andrej Kosič

Le opere che compongono la nuova e sorprendente fase creativa dell'artista di Rupa dal titolo 'Dolenti metamorfosi' saranno visibili al pubblico fino alla pausa estiva di attivitą della Galleria. Ingresso libero

Biblioteca di Gorizia, prorogata la mostra di Andrej Kosič (© Bsi di Gorizia)

GORIZIA - Sarà prorogata fino al 29 luglio la personale di Andrej Kosič dal titolo 'Dolenti metamorfosi', allestita nella Galleria d'arte 'Mario Di Iorio' della Biblioteca statale isontina di Gorizia. Le opere che compongono la nuova e sorprendente fase creativa dell'artista di Rupa saranno dunque visibili al pubblico fino alla pausa estiva di attività della Galleria, ricorda il direttore Marco Menato. Dalla vernice, svoltasi il 23 giugno scorso, un folto pubblico ha visitato e apprezzato le opere esposte nelle due sale della Bsi. Noto soprattutto come acquerellista nella tradizione realistica figurativa postimpressionista Andrej Kosič si dedica anche alla pittura a olio e, saltuariamente, al design grafico e all'illustrazione libraria.

L'esposizione 'Dolenti metamorfosi'
L’esposizione, elegante e ricca di spunti riflessivi tematici e stilistici, propone nelle due sale di via Mameli 12 nuovi linguaggi espressivi che segnano un ulteriore passaggio evolutivo nella produzione dell’artista goriziano. L’essenza dell’umanità sofferente e ferita è infatti il soggetto che domina la produzione di una serie di acquerelli con protagonisti volti dallo sguardo vuoto, masse di giovani e anziani in marcia per raggiungere o sfuggire, creano un racconto di genti di forte impatto emotivo. Sono i ricordi degli eventi bellici a influenzare queste opere di Kosič. Nella seconda sala sono invece visibili grandi quadri astratti su tela policromi, magma di colori e segni velati, riflessioni e interpretazioni di una visione artistica del tutto personale e originale. In mostra un agile catalogo è gratuitamente a disposizione del pubblico.

Proroga alla mostra
La mostra resterà dunque aperta fino a sabato 29 luglio, da lunedì a venerdì dalle 10.30 alle 18.30 il sabato fino alle 13 con ingresso libero.