16 agosto 2017
Aggiornato 23:30
Migranti

Il sindaco di Gorizia sgombera i richiedenti dai parchi

Rodolfo Ziberna ha firmato un'ordinanza anti-bivacchi: "Hanno abusato troppo della disponibilità del territorio per farsi sentire da un governo sordo bisogna urlare più forte, anche se non è nel mio stile. Il governo apra le caserme e gestisca l'emergenza in house"

Il sindaco di Gorizia sgombera i richiedenti dai parchi (© ANSA)

GORIZIA - I migranti saranno sgomberati dai parchi di Gorizia. Per esercitare pressione sul ministero dell'Interno, affinché si attivi per trasferire gli oltre cento richiedenti asilo fuori convenzione che da settimane dormono all'addiaccio nelle aree verdi della città, il sindaco del capoluogo isontino, Rodolfo Ziberna, ha firmato un'ordinanza anti-bivacchi. «Hanno abusato troppo della disponibilità del territorio - ha detto Ziberna - per farsi sentire da un governo sordo bisogna urlare più forte, anche se non è nel mio stile».
«Ovviamente - ha aggiunto - a rimetterci sono le persone che ci sono qui oggi. La nostra regione è ancora capace di solidarietà, ma non si può chiedere il sacrificio solo ai cittadini. Per 50 anni il Friuli Venezia Giulia è stato militarizzato. Il governo dovrebbe aprire una caserma e gestirla in house. Così spenderebbe meno. Se credi davvero nell'accoglienza, devi gestire queste persone e così insegni loro anche come vivere in Italia. Questa è l'ospitalità. Il resto è cinismo».