19 ottobre 2017
Aggiornato 16:30
da venerdì 28 luglio

Apre a Grado la seconda sezione della mostra ​“Dal leone di San Marco all’aquila bicipite”

L'evento dell'estate gradese ha già richiamato un folto pubblico di estimatori e appassionati del modernariato a cavallo fra '800 e secolo breve. La mostra è aperta tutti i giorni dalle 9.30 fino alle 13 e dalle 16.30 alle 23, con ingresso gratuito, fino al 21 agosto

Apre a Grado la seconda sezione della mostra ​“Dal leone di San Marco all’aquila bicipite” (© Dal leone di San Marco all’aquila bicipite)

GRADO - Apre da venerdì 28 luglio a Grado nella Sala Cinema Cristallo di corso Dante Alighieri n. 29 la seconda sezione della mostra 'Dal leone di San Marco all’aquila bicipite', evento dell'estate gradese che nella sede del Grand Hotel Astoria ha già richiamato un folto pubblico di estimatori e appassionati. Un appuntamento imperdibile per collezionisti, appassionati, o semplici curiosi che potranno trovare gemme di carta e tanti pezzi belli e rari. La mostra è aperta tutti i giorni dalle 9.30 fino alle 13 e dalle 16.30 alle 23, con ingresso gratuito, fino al 21 agosto. Ulteriori informazioni sono disponibili nel sito www.legantiqua.it o telefonando ai numeri 0481.537898 oppure 348.2557807.

La mostra
Nella seconda sezione, allestita in sinergia fra la Libreria LegAntiqua e la Biblioteca statale isontina nell'ambito della XIX edizione di Stampa Antica, verrà dato spazio al piccolo antiquariato di due secoli di storia dal territorio istro-veneto e friulano alle città, da Venezia e Trieste e alla capitale dell'impero.
Esposte fotografie e manifesti​, carte geografiche e oggetti per raccontare il modernariato a cavallo fra '800 e secolo breve. Il percorso espositivo informale comprenderà anche grafiche di artisti fra i più significativi nell'area Mitteleuropea, e non solo, come Marcello Dudovich Alphonse Maria Mucha, Leopoldo Metlicovitz, Tito Corbella, Giovanni Meschini, e ancora Aldo Mazza, Lucien Achille Mauzan e Vittorio Accornero.
Non mancherà una sezione dedicata ai bibliografi comprendente libri curiosi e rari in italiano tedesco, friulano e altre lingue della Mitteleuropa. Fra le particolarità dell'esposizione la disponibilità di materiali provenienti dal mondo del collezionismo privato italiano e europeo, alcuni dei quali inediti.

​ ​