17 ottobre 2017
Aggiornato 13:00
questione accoglienza

Fdi-An: galleria Bombi, il sindaco emani ordinanza per lo sgombero

Il gruppo consiliare chiede misure urgenti da attuare anche attraverso un’ordinanza ad hoc per risolvere il problema legato alla presenza dei migranti nel tunnel che collega via Giustiniani e piazza Vittoria, in pieno centro cittadino

Fdi-An: galleria Bombi, il sindaco emani ordinanza per lo sgombero (© Web)

GORIZIA - «Chiediamo al sindaco, responsabile della salute pubblica dei cittadini, di mettere in campo tutte le iniziative per scongiurare la diffusione di patologie legate alle non più sopportabili condizioni in cui bivaccano senza autorizzazione i profughi accampati da settimane nella galleria Bombi». La richiesta arriva dal gruppo consiliare di Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale, che si rivolge a Ziberna, chiedendo «misure urgenti, da attuare anche attraverso un’ordinanza ad hoc» per risolvere il problema legato alla presenza dei migranti nel tunnel che collega via Giustiniani e piazza Vittoria, in pieno centro cittadino.

«Gli stranieri che in questo momento si riparano nella galleria Bombi hanno regolare permesso di soggiorno: possono dunque liberamente trovare un lavoro e ricavare il sostentamento necessario a vivere in condizioni meno proibitive – evidenziano i consiglieri comunali di Fdi-An -. Alcuni di loro, peraltro, hanno profili di pericolosità sociale, considerato che sono già stati espulsi per le loro intemperanze dal Cara, come riportato dalla stampa locale».

Ma secondo gli esponenti di Fdi-An, l’elemento centrale è quello della tutela della salute pubblica: «Non è ammissibile che sia tollerata oltre una situazione di rischio per la salute dei goriziani: un quarto dei soggetti che hanno scambiato galleria Bombi per un dormitorio è affetto da patologie trasmissibili. Chiediamo pertanto un intervento immediato e siamo pronti ad affiancare il sindaco nella richiesta alle autorità competenti di un maggior controllo anche ai fini del rispetto dell’ordinanza di sgombero del tunnel che lo stesso primo cittadino dovesse decidere di emanare. In queste condizioni galleria Bombi, trasformata in latrina e lazzaretto abusivo, non è fruibile: il Comune ha già speso soldi della collettività per pulire e sanificare l’area, ma senza provvedimenti stringenti, il problema è destinato a ripetersi. I volontari che in qualche maniera, con la loro ingenua opera di carità, favoriscono la permanenza dei profughi là sotto, sono responsabili anche delle loro pessime condizioni di salute».