17 ottobre 2017
Aggiornato 13:00
operazione da 1 milione di euro

Grado: Santoro, disagi limitati per chiusura del ponte grazie al confronto

I disagi, inevitabilmente, ci saranno, ma possono essere limitati se c'è una condivisione delle decisioni; l'assessore ha fatto appello alle categorie economiche a confrontarsi sulle opzioni in campo

Grado: Santoro, disagi limitati per chiusura del ponte grazie al confronto (© Regione Friuli Venezia Giulia)

GRADO - Avvio del cantiere a metà ottobre, chiusura del ponte Matteotti il mese successivo e conclusione dei lavori entro marzo. Seguirà questo piano l'opera, dal valore di 1 milione di euro, per la sostituzione del viadotto girevole che collega la località balneare con la pianura friulana. Il cronoprogramma dell'intervento è stato sancito durante un incontro pubblico con la cittadinanza e in particolare gli operatori economici. I dettagli dell'operazione sono stati spiegati dai tecnici di Fvg Strade alla presenza dell'assessore alle Infrastrutture e al Territorio del Friuli Venezia Giulia Mariagrazia Santoro.

«La sostituzione del ponte è un'opera che va fatta - ha sottolineato l'assessore durante l'assemblea - altrimenti si rischierebbe la rottura del meccanismo con problemi ben maggiori. Nel predisporre l'opera abbiamo ponderato ogni scelta, studiando tutti gli interventi da fare, come ad esempio l'attivazione delle corse sostitutive per gli autobus. I disagi, inevitabilmente, ci saranno, ma possono essere limitati se c'è una condivisione delle decisioni».
Santoro ha quindi fatto appello alle categorie economiche a confrontarsi sulle opzioni in campo, e con Fvg Strade che ha proposto due possibili soluzioni: un'interruzione dei lavori nel periodo natalizio oppure uno sforzo continuato fino ai primi di marzo. Alla fine è stata scelta quest'ultima opzione, alla presenza, tra gli altri, del sindaco del Comune di Grado, Dario Raugna, e del vicepresidente della Camera di Commercio Venezia Giulia, Gianluca Madriz.
«L'Amministrazione regionale - ha ricordato l'assessore - ha stanziato fondi importanti per quest'opera perché la ritiene una priorità, anche alla luce degli interessi dell'economia locale. Allo stesso tempo, ad un altro tavolo, stiamo lavorando affinché la ciclabile che attraversa il territorio fino a Grado abbia una sua piena funzionalità evitando lo spezzettamento dell'infrastruttura».

Alla fine del suo intervento, Santoro ha anche ricordato come i lavori a favore della località balneare si stiano facendo anche sul fronte marino, con ingenti investimenti nelle opere di dragaggio.