16 dicembre 2017
Aggiornato 10:00
Industria

Serracchiani, dialogo con Profumo per Leonardo Ronchi

Le prospettive di sviluppo dello stabilimento di Ronchi dei Legionari, azienda che progetta e realizza velivoli senza pilota e simulatori di volo, sono state al centro dell'incontro tra la presidente del Fvg e la delegazione delle rappresentanze sindacali unitarie dell'azienda

Debora Serracchiani (Presidente Regione Friuli Venezia Giulia) incontra rappresentanti sindacali di Leonardo Finmeccanica (© Foto Arc Montenero)

GORIZIA - Le prospettive di sviluppo dello stabilimento della Leonardo (già Finmeccanica) a Ronchi dei Legionari, azienda che progetta e realizza velivoli senza pilota e simulatori di volo, sono state al centro dell'incontro tra la presidente del Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, e la delegazione delle rappresentanze sindacali unitarie (Rsu) dell'azienda.

In particolare, i sindacati hanno espresso preoccupazione per l'andamento del progetto Falco 48 che, hanno evidenziato, rappresenta un asset prioritario per garantire l'operatività dell'impresa e la salvaguardia dei posti di lavoro. In merito, Serracchiani ha evidenziato «l'importanza dell'azienda per il tessuto produttivo regionale» e assicurato che «analogamente a quanto accaduto in passato, verrà avviato un dialogo con i nuovi vertici nazionali dell'azienda, in particolare con l'amministratore delegato Alessandro Profumo, subentrato a Mauro Moretti, per rimarcare le opportunità rappresentate dalla struttura di Ronchi dei Legionari». La presidente ha quindi convenuto con le Rsu sulla necessità che l'azienda, una reale eccellenza del territorio, continui ad avere un ruolo importante nella strategia del gruppo anche alla luce del successo riscosso a livello internazionale dalle sue produzioni. I sindacati hanno quindi ribadito che le competenze e le capacità tecniche e progettuali acquisite dallo stabilimento ronchese offrono interessanti prospettive di sviluppo che devono essere considerate nel piano industriale di Leonardo.