19 novembre 2017
Aggiornato 04:00
fdi - an

Gatta e Tubetti sulla questione molestia sessuale a Romans d'Isonzo

E' stato espressamente richiesto che le autorità competenti facciano luce sulla vicenda poichè il primo cittadino goriziano pare non esserne andato a fondo

Gatta e Tubetti sulla questione molestia sessuale a Romans d'Isonzo (© FDI AN Fvg)

GORIZIA - «Per rispetto delle donne, di tutte le donne che studiano, lavorano, vivono nell'Isontino, chiediamo a gran voce che le autorità competenti facciano luce su questa odiosa vicenda, ancor più grave perché colpisce una adolescente». A dirlo in una nota le componenti del coordinamento proviciale di Fratelli d'Italia-An, Francesca Tubetti e Chiara Gatta intervenendo sull'episodio di molestie denunciato dalla mamma di una ragazza di Romans d'Isonzo. 
«Non è purtroppo la prima volta che richiedenti asilo si rendono protagonisti di episodi di grave molestia sessuale nel Goriziano - spiegano da Fdi-An -. A Gorizia è stato addirittura arrestato un molestatore seriale, che ha colpito in tre occasioni prima di essere identificato e assicurato alla giustizia. Ma è la prima volta che un sindaco pare non essersi interessato in maniera approfondita alla vicenda, e ancor peggio avrebbe chiesto alla madre di non divulgare dettagli sulla stessa, preoccupato forse di ricadute politiche. Se tali posizioni fossero realmente provate oltre a chiedere una pena certa per chi ha ignominiosamente tentato di approfittare di una ragazzina, ci sentiamo come donne e mamme oltre che come partito politico di pretendere le dimissioni del sindaco in questione».