19 novembre 2017
Aggiornato 03:30
Palazzo Coronini Gorizia

Alessandro Borghese tra i visitatori della mostra 'Donne allo specchio'

Proroga per la mostra multimediale allestita nel Palazzo visitabile per ancora un mese, fino al 26 novembre

Prorogata la mostra 'Donne allo specchio'. Tra i visitatori anche Alessandro Borghese (© Palazzo Coronini)

GORIZIA – Palazzo Coronini nei giorni scorsi ha avuto anche un ospite d'eccezione: il cuoco e conduttore televisivo Alessandro Borghese ha visitato la storica dimora, apprezzando arredi e quadri e commentando tanti dettagli del patrimonio artistico conservato, con particolare riguardo per le teste di carattere di Messerschmidt.

Proroga di un mese
Proroga di un mese per la mostra multimediale 'Donne allo specchio' allestita a Palazzo Coronini. L’esposizione sarà visitabile fino a domenica 26 novembre, sempre da mercoledì a sabato dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18 e la domenica dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19. Le visite guidate, comprese nel biglietto d’ingresso, saranno proposte come di consueto sabato alle 17 e domenica alle 18. Una scelta fatta dalla Fondazione Coronini alla luce del successo riscosso dalla mostra, che si propone di seguire il lento mutare dell’immagine e del ruolo della donna in quattro secoli di storia attraverso una quarantina di ritratti, offrendo la possibilità di una doppia fruizione, una tradizionale e una interattiva e multimediale.

Opere che prendono vita
Le opere esposte nella storica dimora di viale XX Settembre 'prendono vita' grazie a un’applicazione per smartphone, tablet e dispositivi mobili, che consentono di sovrapporre alla vista dei dipinti effetti di realtà aumentata con suoni e filmati. La app, realizzata dal Laboratorio di ricerca Sasweb del Centro Polifunzionale di Gorizia dell’Università degli studi di Udine, fruibile grazie al wi-fi attivato nel Palazzo, fornisce informazioni su opere, soggetti raffigurati e gli artisti, con approfondimenti su personaggi, dettagli dell’abbigliamento o altri particolari. Gli audio e i video sono stati realizzati grazie alla collaborazione degli attori di a.Artisti Associati di Gorizia Serena Finatti, Enrico Cavallero e Camilla Tuzzi.

Esposizione tutta al femminile
Un’esposizione tutta al femminile, che intende sottolineare il valore estetico e artistico delle opere, molte delle quali riconducibili a pittori di fama, senza mai perdere di vista il fondamentale legame con la famiglia Coronini. Accanto a personaggi famosissimi, come la regina Maria Antonietta o la duchessa di Berry, i quadri scelti restituiscono soprattutto le immagini di mogli, madri e figlie strettamente legate alla famiglia Coronini e alla sua rete di parentele. Ritratti di donne e ritratti eseguiti da donne: pittrici famose come Rosalba Carriera o Elisabeth Vigée-Lebrun, che sfidando convenzioni e pregiudizi riuscirono a imporsi con successo in un ambito quasi esclusivamente maschile, altre tutte da scoprire come la bolognese Teresa Maria Coriolani. La sintesi di questo percorso è rappresentato dal delicato pastello raffigurante Nicoletta Coronini Cronberg eseguito da Eleonora Novelli di Bertinoro: l’ultima discendente femminile della nobile famiglia goriziana ritratta da una donna fu a sua volta ritrattista e vignettista non priva di talento. Sarà esposto anche un inedito, un’opera solo di recente individuata all’interno delle collezioni Coronini: il ritratto a matita di Elisabetta Loy Cassini, bisnonna materna del conte Guglielmo, firmato da Charles Émile Auguste Durand, detto Carolus-Duran (1837-1917), acclamato ritrattista dell’aristocrazia e dell’alta borghesia parigina nell’ultimo quarto dell’Ottocento e maestro del pittore americano John Singer Sargent. Il disegno, insieme a un altro dipinto, è stato restaurato grazie a un service del Lions Club 'Maria Theresia', realizzato nell’ambito del centenario dell’associazione.

Le sezioni della mostra
La mostra si articola in varie sezioni. Si va dal ritratto ufficiale, tipico dell’età barocca come esibizione di ricchezza e potenza, alla rappresentazione dei valori e degli affetti, con la famiglia che nell’Ottocento divenne uno dei valori predominanti della classe borghese emergente. L’ambizione di ascesa sociale di commercianti e industriali si espresse nell’Ottocento anche attraverso il ritratto da esibire nei salotti come dimostrazione della condizione raggiunta. Una sezione è dedicata anche alle donne che si sono ritrovate dall’altra parte della tela: fin dal XVI secolo la possibilità per le donne di intraprendere una carriera nel campo della pittura fu strettamente limitata a poche privilegiate che ebbero la fortuna di ricevere un’educazione artistica all’interno delle botteghe o degli atelier di padri e mariti. La mostra rende omaggio anche alla figura di Nicoletta Coronini Cronberg, molto amata e ricordata ancora oggi per il suo impegno sociale e umanitario, attraverso una ricostruzione della sua produzione letteraria, costituita da romanzi per bambini e da brevi racconti la cui principale peculiarità consiste nelle illustrazioni da lei stessa realizzate. I disegni originali, caratterizzati da un piglio ironico e caricaturale, conservati nell’Archivio Storico Coronini Cronberg custodito dall’Archivio di Stato di Gorizia, sono esposti per la prima volta insieme a una serie di intensi ritratti a matita e pastello che raffigurano familiari, i fratelli Guglielmo e Francesco, lo zio Oscar Cassini, amici e conoscenti. All’ingresso delle Scuderie i visitatori sono accolti dall’installazione 'Anime riflesse' realizzata dal Liceo Artistico Max Fabiani. Gli studenti della classe di Design della moda che hanno esplorato il soggetto dell'autoritratto progettando un abito, frutto di un'analisi di conoscenza interiore e di rappresentazione di loro stessi, mentre gli studenti delle classi di Pittura hanno elaborato pittoricamente i volti degli autori degli abiti, traendo spunto dalle correnti artistiche delle avanguardie del Novecento.