18 settembre 2018
Aggiornato 19:00

Prorogata la mostra "Oltre l'occhio che vede" alla Biblioteca di Gorizia

Ancora qualche settimana per ammirare il 'dialogo e interazione fra il fotografo Flavio Zuliani e gli artisti Luciano de Gironcoli, Ignazio Doliac, Tiziana Gallina e Giorgio Valvassori
Prorogata la mostra "Oltre l'occhio che vede" alla Biblioteca di Gorizia
Prorogata la mostra "Oltre l'occhio che vede" alla Biblioteca di Gorizia (Biblioteca Statale Isontina)

GORIZIA - Sarà prorogata fino al 17 novembre nella Galleria d'arte 'Mario Di Iorio' della Biblioteca statale isontina di Gorizia la mostra 'Oltre l'occhio che vede', dialogo e interazione fra un fotografo e cinque artisti. La mostra resterà aperta con ingresso libero da lunedì a venerdì, dalle 10.30 alle 18.30, e il sabato fino alle 13.

Interventi artistici su immagini in bianco e nero
L'originale progetto, primo del genere alla Bsi, propone percorsi e linguaggi espressivi che fanno della diversità il file rouge dell'esposizione. Il punto di partenza del progetto sono le immagini in bianco e nero, di soggetto naturalistico, del fotografo Flavio Zuliani. Su di esse gli artisti Luciano de Gironcoli, Ignazio Doliac, Tiziana Gallina e Giorgio Valvassori hanno realizzato interventi artistici interpretativi. Ne è scaturito un percorso eterogeneo ma coerente, elegante e raffinato.
Doliac ha inserito fra gli alberi figure evanescenti che animano della presenza umana i luoghi, mentre de Gironcoli ha proposto la scrittura grafica come segno di interazione nella sequenza serrata dei fusti degli alberi. Gallina ha invece scelto di intervenire sovrapponendo e affiancando collage di simboli e linguaggi di stampo surrealista, mentre Valvassori ha costruito, in coerenza con la sua matrice creativa, degli interventi interpretativi, costruttivi o ricostruttivi dei temi iconografici proposti.