19 novembre 2017
Aggiornato 03:30
dal 14 al 25 novembre

Arte contemporanea al femminile: sesta edizione di "Incontra"

Una mostra internazionale a cura di Uniud, sede di Gorizia, in collaborazione con Rete Espansioni e Comune di Gorizia. Al Museo di Santa Chiara, nel capoluogo isontino, espongono 53 artiste

Arte contemporanea al femminile: sesta edizione di "Incontra" (© Incontra)

GORIZIA - Creare legami e superare barriere, costruire ponti e convergenze sui valori, intessere conoscenze, confronti e condivisioni tra donne di generazioni ed esperienze differenti. È quanto si propone di realizzare l’iniziativa 'Incontra I Espansioni 2017', VI edizione, giunta alla sua seconda tappa in programma al Museo di Santa Chiara, in Corso Verdi 18 a Gorizia, dal 14 al 25 novembre, organizzata dal Comitato Unico di Garanzia dell’Università di Udine, sede di Gorizia, in collaborazione con il Comune di Gorizia ed Espansioni, rete di associazioni che ha già ricevuto la Medaglia del Presidente della Repubblica Italiana.

Una mostra-rassegna d'arte
A dare il via alla 'tranche' goriziana sarà la mostra-rassegna d’arte contemporanea internazionale 'incontra I percorsi di creatività delle donne', collegata all’omonimo 6° concorso internazionale d’arte e fotografia. La rassegna, già allestita a Trieste in settembre, vede la partecipazione di 53 artiste con le loro opere.
«Questa esposizione – spiega la docente Renata Kodilja, coordinatrice dei Corsi di Laurea in Relazioni Pubbliche e Comunicazione integrata per le imprese e le organizzazioni, delegata Pari opportunità e presidente del Cug dell’Università di Udine, sede di Gorizia – è una rassegna d’arte contemporanea che sviluppa in ogni edizione un programma ricco di mostre ed eventi, grazie all’attiva collaborazione delle artiste e di una rete di associazioni. Al pubblico si offre uno sguardo ampio e coinvolgente su alcune dinamiche e tendenze che caratterizzano l’arte contemporanea emergente delle donne». Kodilja precisa poi che l’idea di fondo è «far dialogare donne di generazioni ed esperienze differenti, con l’obiettivo di inventare nuovi scenari aperti alle diversità in un’ottica multiculturale e valoriale». 'Espansioni' è una rete che si estende oltre i confini nazionali, grazie alle relazioni che la collegano al resto d’Italia, all’Istria, alla Slovenia e alla Croazia. «Anche il tema del concorso di quest’anno – conclude Kodilja – ruota attorno all’idea dell’incontro tra generi, generazioni e culture diverse, per giungere al superamento degli stereotipi». Ester Pacor, coordinatrice della rete Espansioni, esprime grande soddisfazione «per l’ulteriore espansione delle iniziative giunte alla 6° edizione, in un’ottica di valorizzazione sinergica delle risorse culturali e territoriali del goriziano».

L'inaugurazione
Inaugurazione alle 17 del 14 novembre, con l’orchestra 'Thomas Schippers' diretta da Carlo Grandi, al violino Marta Medeot e Lorenzo Mian. Alle 17.30 incontro con le artiste, che racconteranno le loro opere. Seguirà un brindisi inaugurale con vini dell’azienda Fiegl (Collio).
La mostra – al primo piano del Museo – sarà visitabile a ingresso libero dal 14 al 25 novembre ogni giorno dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19. Espansioni 2017 prosegue il 25 novembre nella stessa sede con una conferenza sul tema 'L’insostenibile ‘leggerezza’ delle parole brutali. Linguaggio e violenza di genere'.