22 aprile 2018
Aggiornato 12:30
ambiente

Vito, nessun ritardo per la discarica Pecol dei Lupi

L'assessore regionale all'Ambiente ed Energia dichiara che l'Amministrazione regionale ha sempre fatto la sua parte raccogliendo un'eredità pesante perché nulla in precedenza era stato fatto

Vito, nessun ritardo per la discarica Pecol dei Lupi (© Foto Arc Montenero)

MONFALCONE - «Sulla complessa vicenda della discarica di Pecol dei Lupi questa Amministrazione regionale ha sempre fatto la sua parte, con grande impegno e determinazione. Si è trovata ad affrontare, così come in altre situazioni riguardanti l'ambiente, un'eredità pesante perché nulla in precedenza era stato fatto. Di conseguenza non ci può assolutamente essere attribuita la responsabilità di ritardi, in quanto è forte la volontà di arrivare alla soluzione nell'interesse del territorio e la strada è ormai chiaramente tracciata». Lo ha affermato l'assessore regionale all'Ambiente ed Energia, Sara Vito, in risposta alla presa di posizione dei sindaci Rodolfo Ziberna (Gorizia), Anna Cisint (Monfalcone) e Roberto Felcaro (Cormons).

«Ci siamo posti l'obiettivo di individuare una corretta via d'uscita - ha spiegato Vito - affrontando la vicenda sia da un punto di vista giuridico e amministrativo che destinando con l'ultimo assestamento di bilancio le risorse necessarie, pari a ben un milione di euro, per una proposta di transazione. E' la prova tangibile che alle buone intenzioni sono sempre seguite azioni concrete. Pertanto auspico che i tre primi cittadini adottino, sul tema, un atteggiamento collaborativo e propositivo», ha aggiunto l'assessore regionale, rivolgendosi in particolare al sindaco di Cormons. «Sono pronta a incontrarmi anche lui, perché mai mi sono sottratta al confronto: lo dimostrano gli incontri svolti sul territorio con tutte le amministrazioni, che riproporremo appena ci saranno le attese importanti novità», ha concluso, evidenziando che il primo cittadino di Cormons non risulta abbia mai chiesto un incontro né con l'assessore nè con i funzionari della direzione.