Eventi & Cultura | 24-25-26 novembre

Anteprima a Cormons del Festival del libro e dell'informazione

Incontri, conversazioni, conferenze, lezioni, mostre, concerti, proiezioni, letture e spettacoli, con la partecipazione di personalità pubbliche fra studiosi, scrittori, artisti e giornalisti di prestigio nazionale e internazionale che indagano e analizzano da punti di vista diversi il cammino dell’uomo e i processi di trasformazione della società

Anteprima a Cormons del Festival del libro e dell'informazione
Anteprima a Cormons del Festival del libro e dell'informazione (Cormònslibri)

CORMONS - Pronto ai blocchi di partenza Cormònslibri, il Festival del libro e dell’informazione che, fra anteprima ed eventi esterni, caratterizzerà quest’ultima parte del mese di novembre con incontri, conferenze per le scuole, la giornata contro la violenza sulle donne, letture e musica. Giovedì 23 novembre si terrà il primo evento esterno, realizzato in collaborazione con l’Amministrazione comunale di Reana del Rojale. Alle 18.30, appuntamento alla Biblioteca Comunale di Reana in occasione della consegna della Costituzione ai neo diciottenni, con l'intervento del prof. Andrea Locane su 'La Costituzione è ancora un oggetto misterioso?'.

La settimana dell'Anteprima
Venerdì 24 novembre, inizierà il fine settimana dell’Anteprima. Gli incontri, salvo diversa indicazione, si svolgeranno in Sala Italia, via Friuli 28 a Cormòns. Si partirà alle 17.30 con Memorie di storie recenti e la presentazione del libro di Giuseppe Mariuz, introdotto dal giornalista Paolo Medeossi. Alle 18.45, Lo sport, un formidabile strumento educativo, incontro con Luca Grion, docente di filosofia morale all’Università di Udine e presidente dell’Istituto Jacques Maritain, e Marcella Bounous, psicologa dello sport e formatrice, moderati dal giornalista de Il Piccolo, Matteo Femia. Alle 19.45, Due ruote in blues, lettura scenica fra blues e bicicletta, con Marco Pastonesi e Flavio Paludetti. A seguire, aperitivo Blues.

Sabato 25 novembre alle 11, promossa dall’Auser provinciale di Gorizia e da Cormònslibri, si terrà la Marcia contro il femminicidio. Con la partecipazione delle Amministrazioni comunali, Associazioni locali, Istituti scolastici, Parrocchie e privati Cittadini, si prevede la partenza simultanea dalle sedi delle Amministrazioni di Cormòns, Staranzano, Romans, Gradisca d’Isonzo e S. Pier d’Isonzo. In particolare, a Cormòns l’organizzazione e le letture sceniche saranno curate da Lis Tarlupulis, con la partecipazione speciale di Pierluigi Pintar. Oltre cento donne in Italia, ogni anno, vengono uccise da uomini che quasi sempre sostengono di amarle (72%). Ai femminicidi si aggiungono violenze quotidiane che, se non fermate in tempo, rischiano di fare altre vittime: sono infatti migliaia le donne molestate, perseguitate, aggredite, picchiate, sfregiate. Quasi 7 milioni, secondo i dati Istat, quelle che nel corso della propria vita hanno subito una forma di abuso.
Alle 12, Cercando Alfonsina. donne del ‘900 tra memorie, cartoline e poesie. Incontro con Fernanda Pessolano. Siamo nel 1924. Una donna, Alfonsina Strada (all’anagrafe Alfonsa Morini - emiliana) partecipa al Giro d’Italia. E da allora è l’unica donna ad aver mai partecipato al Giro d’Italia 'degli uomini'. Adorata dalle folle, la bicicletta rimase con lei anche quando - lasciato il ciclismo - si dedicò al circo. Alle 16.30, Ridiamo un volto: dignita’ e speranza. Incontro con Giuseppe Losasso, Presidente di Smileagain Fvg associazione che dal 2004 presta assistenza alle donne pakistane colpite da acidificazione. Durante l’incontro verrà proiettato un video-saluto di Gessica Notaro, la 27enne finalista di Miss Italia 2007 che è stata sfregiata dall’ex compagno con l’acido. Modera l’incontro, il giornalista Gian Paolo Girelli. Alle 17.30, la conferenza La grandezza delle donne che presenterà testimonianze di donne, attive ed eccellenti in vari ambiti, dotate di forza e determinazione. Ospiti di questo appuntamento saranno: Anna Marson, suora salesiana; Teresa Vergalli, ex staffetta partigiana; Qing Yue, pittrice e fotografa; Lucia Votano, fisica. Modera Daniela Picoi, programmista-regista Rai. Alle 18.45 Cjant pai tiei deits - omaggio a Pierluigi Cappello, una lettura-concerto delle poesie 'Amôrs'. Di e con Claudia Grimaz e Enza Pagliara con Massimo Somaglino e Antongiulio Galeandro, uno spettacolo in cui le liriche di Pierluigi Cappello si sovrappongono alla ricerca che le due artiste stanno sviluppando da alcuni anni nei territori della musica popolare, con un’attenzione particolare anche alla dimensione teatrale del fare musica. Le liriche di Pierluigi Cappello, uno dei migliori poeti contemporanei italiani, sono state tradotte in musica da Claudia Grimaz e Enza Pagliara, due artiste che attingono il loro repertorio alla musica popolare. Per meglio esaltare una scrittura poetica densa di contrasti e di contrapposizioni, alla lingua friulana delle liriche viene il canto popolare della tradizione salentina così da restituire tutto il calore e la sensualità presenti nella raccolta poetica di Cappello.

Domenica 26 novembre alle 16.30, La scienza va a teatro. Incontro con Giuseppe O. Longo a dialogo con Walter Chiereghin, giornalista e scrittore, e Paolo Quazzolo, docente di storia del Teatro all'Università di Trieste. Alle 17.30, La fiducia nella vita e nelle infinite possibilita’ di risollevarsi  ci verrà raccontata da Tatjana Rojc, accompagnata nella narrazione del suo ultimo lavoro da Michele Obit, giornalista del Novi Matajur. Alle 18.45, torna a Cormònslibri il Teatro Incerto e porta con se la produzione realizzata in collaborazione con Radio Spazio 103: «Çurviei scjampâts tolc sció». Uno spettacolo di e con Fabiano Fantini, Elvio Scruzzi e Claudio Moretti e l’ospite speciale, Carlo Della Giusta. Il Teatro Incerto ha voluto portare in scena un estratto dalle trasmissioni radiofoniche. Il risultato è un talk show dove presentatore e inviato si trovano alle prese con i cervelli in fuga che tornano per raccontare le loro esperienze e le loro storie. Lo spettacolo, è nello stile del Teatro Incerto: divertente, scanzonato, irriverente, demenziale, ma non abbandona quella sottile analisi sociale che ne caratterizza la comicità.

Lunedì 27 novembre è in programma il secondo evento esterno, in collaborazione con la Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia. Alle 18, nella Sala espositiva di via Carducci, 2 a Gorizia, si terrà l’incontro con l’autrice Zita Dazzi, giornalista de La Repubblica che presenterà il suo ultimo libro per ragazzi La valigia di Adou. Ispirato a una storia vera, è il racconto di un incontro imprevedibile e indimenticabile tra due mondi solo apparentemente distanti. Adou e Oreste hanno molte cose in comune: hanno tutti e due dieci anni, amano il calcio, non capiscono il mondo dei grandi. E poi, tutti e due aspettano qualcosa: Adou non vede l’ora di arrivare in Italia, Oreste aspetta la nascita della sorellina. Ma il sogno dell’Italia per Adou comincia nel modo più drammatico, dentro una valigia – una valigia che sarà proprio Oreste ad aprire. A voci alternate, Adou e Oreste ci raccontano la storia che li ha portati a conoscersi e a diventare amici, in barba a qualunque ostacolo. I legami più forti, a volte, nascono nei modi più inaspettati. Il libro è sostenuto da Amnesty International Italia. L’ appuntamento si svolgerà nel contesto della mostra «Gorizia magica» libri e giocattoli per ragazzi 1900 – 1945, visitabile fino a domenica 10 dicembre 2017.