24 settembre 2018
Aggiornato 15:00

"L' Europa che vogliamo, quali impatti avranno i futuri scenari sulle politiche transfrontaliere?" Se ne parla a Gorizia

Evento di lancio dei progetti Isonzo- Soča e Salute- Zdravstvo. Il presidente della Repubblica di Slovenia, Borut Pahor, sarà il relatore principale dell’evento. Il suo intervento è previsto per le 11.15
"L' Europa che vogliamo, quali impatti avranno i futuri scenari sulle politiche transfrontaliere?" Se ne parla a Gorizia
"L' Europa che vogliamo, quali impatti avranno i futuri scenari sulle politiche transfrontaliere?" Se ne parla a Gorizia (Gruppo Europeo di Cooperazione Territoriale)

GORIZIA - Il presidente della Repubblica di Slovenia sarà alla Transalpina per l’evento di lancio del Gect Go e sarà il relatore principale dell’evento di lancio dei progetti dell’investimento territoriale integrato in programma il 28 novembre nel piazzale della Transalpina di Gorizia-Nova Gorica. L’evento, intitolato 'L’Europa che vogliamo. Il libro bianco sul futuro dell’Europa: quali impatti avranno i futuri scenari sulle politiche transfrontaliere?', è organizzato in occasione dell’avvio delle azioni pilota dei progetti Parco transfrontaliero Isonzo-Soča e Salute-Zdravstvo-costruzione di un network di servizi sanitari transfrontalieri, cofinanziati dal Programma di Cooperazione territoriale Interreg V-A Italia-Slovenia 2014-2020 e ad oggi unica esperienza europea di attuazione di una strategia cross- border integrata attuata nell’ambito delle politiche di coesione.

Il meeting
Il meeting, organizzato dal Gect Go, sarà articolato in due diversi momenti: uno di più alto livello istituzionale (dalle 11 alle 13), durante il quale interverranno, oltre che il presidente Pahor, anche alcuni esperti di politiche europee, ed uno tecnico, nel pomeriggio, rivolto invece a cittadini ed amministratori locali per illustrare nel dettaglio i due progetti appena avviati. Le riflessioni del mattino partiranno dal Libro bianco sul futuro dell’Europa e dai cinque documenti di riflessione che lo accompagnano, in cui è riservato un ruolo fondamentale alla cooperazione transfrontaliera per rimuovere le fonti di conflitto e creare nuove opportunità economiche. Nei territori di Gorizia, Nova Gorica e Šempeter-Vrtojba, grazie allo strumento del Gect ed alla costruzione di un programma di sviluppo strategico, in fase di attuazione attraverso lo strumento dell’Investimento Territoriale Integrato, sono stati fatti enormi passi avanti per una programmazione congiunta che miri ad offrire alla cittadinanza infrastrutturazioni e servizi congiunti.

Un evento social
Gli hashtag dell’evento saranno #gokickoff e #FutureofEurope (lanciato dalla Commissione Europea lo scorso marzo in occasione della presentazione del Libro Bianco). Sarà possibile seguire l’evento su Facebook (www.facebook.com/GECTGO/) e su Twitter (https://twitter.com/GECTGO_EZTSGO). Sarà inoltre trasmessa la diretta streaming sul sito www.euro-go.eu, scegliendo se seguire l’evento nella lingua originale oppure interamente in inglese.

Il futuro dell'Europa e i giovani
All’evento parteciperanno una rappresentanza di studenti del Scienze internazionali e diplomatiche dell’Università degli Studi di Trieste, sede di Gorizia; anche i ragazzi del Ginnasio di Nova Gorica, scuola ambasciatrice Eu, parteciperanno con la loro sezione del parlamento europeo giovani.

Progetto Parco Transfrontaliero Isonzo-Soča
Il fiume Isonzo Soča rappresenta per Gorizia, Nova Gorica e Šempeter-Vrtojba un patrimonio di identità condivisa, per il valore del paesaggio, la quantità di risorse naturali e la biodiversità presente, non sempre pienamente e consapevolmente utilizzato dagli abitanti dell'area. Il progetto Isonzo-Soča si pone l'obiettivo di 'restituire' il fiume alle città, attraverso l'attuazione di interventi capaci di valorizzare il patrimonio esistente mediante un miglioramento dell'accessibilità ai luoghi, un incremento dell'attrattività turistica dell'area a fini ricreativi e la costruzione di un brand identificativo per una comunicazione più efficace capace di intercettare anche flussi di visitatori non locali. Il progetto Isonzo-Soča porterà alla realizzazione di una rete transfrontaliera comune di percorsi ciclabili e pedonali, che formerà un parco urbano transfrontaliero per accrescere l'attrattività dell'area agli occhi di visitatori e turisti e a migliorare la mobilità sostenibile della popolazione residente. La durata del progetto va dal 01 aprile 2017 al 31 marzo 2021, dotazione finanziaria: 5.000.000 euro).

Progetto Salute-Zdravstvo
Il Progetto 'Costruzione di un Network di servizi sanitari transfrontalieri' si pone l’obiettivo di migliorare la fruizione e le performance dei servizi sanitari e socio-sanitari nel territorio transfrontaliero del Gect Go mediante un percorso pilota d’integrazione dei servizi e delle strutture sanitarie coinvolte (Azienda per l’Assistenza Sanitaria n.2 'Bassa Friulana - Isontina', Splošna bolnišnica dr. Franca Derganca Nova Gorica, Zdravstveni dom Nova Gorica, Psihiatrična Bolnišnica Idrija). Il progetto intende costruire un network che si baserà sulle eccellenze esistenti nei due territori, sui bisogni della salute della popolazione, sulla necessità di una programmazione innovativa dei servizi, indispensabile per un sistema efficace ed efficiente di prossimità e di diritto universale alla salute. Il progetto prevede la costituzione di equipe mediche congiunte transfrontaliere negli ambiti medici della salute mentale, dell’autismo e della gravidanza fisiologica
nonché la creazione in via sperimentale di un Centro Unico per le Prenotazioni condiviso dai servizi sanitari italiano e sloveno. Per prevedere un’integrazione con l’ambito socioassistenziale, il progetto dedicherà un’azione ai servizi ed agli interventi transfrontalieri per l’inclusione sociale delle fasce deboli della popolazione. Il progetto sarà svolto in stretta collaborazione con il Ministero della Salute sloveno e la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia. La durata del progetto va dal 01 aprile 2017 al 31 marzo 2021, dotazione finanziaria: 5.000.000 euro).