21 ottobre 2018
Aggiornato 13:00

Giornata della Memoria: "Le leggi raziali, ricordando il passato si può difendere il futuro"

Sabato 27 gennaio si terrà il tedicesimo convegno nazionale organizzato da Uil Scuola e Irase. Nell’occasione il Prefetto di Gorizia consegnerà due medaglie d’onore a ex deportati
Giornata della Memoria: "Le leggi raziali, ricordando il passato si può difendere il futuro"
Giornata della Memoria: "Le leggi raziali, ricordando il passato si può difendere il futuro" (Web)

GORIZIA - Si rinnova l’appuntamento con le celebrazioni per il Giorno della Memoria con un evento dal titolo 'Le leggi razziali, ricordando il passato si può difendere il futuro', organizzato per sabato 27 gennaio al Teatro Giuseppe Verdi a Gorizia. L’evento rientra nell’ambito dell’iniziativa formativa rivolta alle giovani generazioni 'Incontro con la scuola. Per non dimenticare', organizzata con la Uil Scuola, l’Irase e l’Associazione Amici d’Israele, in collaborazione con la Prefettura di Gorizia e con il patrocinio del Comune.

Cerimonia di consegna di medaglie d'onore
In occasione della manifestazione, il Prefetto di Gorizia Massimo Marchesiello consegnerà quattro medaglie d’onore, concessa dalla Repubblica italiana, quale riconoscimento ad una rappresentanza di cittadini italiani, militari e civili, ed ai familiari dei deceduti che siano stati deportati o internati nei lager nazisti e destinati al lavoro coatto per l’economia di guerra nell’ultimo conflitto mondiale.

Convegno alla sua 13esima edizione
Il convegno nazionale, giunto alla sua 13esima edizione, si aprirà alle 9.45 con l’accoglienza dei partecipanti. Moderati dalla Presidente Irase nazionale Rosa Venuti, porteranno i propri contributi il presidente dell’Associazione Amici d’Israele Lorenzo Drascek, lo storico Fulvio Salimbeni e il Segretario Generale UIL Scuola Pino Turi. La mattinata, cui parteciperanno gli studenti degli Isis D’Annunzio-Fabiani e Dante Alighieri di Gorizia e dell’Istituto comprensivo Ugo Foscolo di Ostra Vetere (Ancona), sarà accompagnata da alcuni momenti musicali a cura della Fil(m)armonica di Mossa.
«Si tratta di un appuntamento annuale particolarmente importante che consente di tramandare la memoria e il ricordo dell’Olocausto alle giovani generazioni affinché la storia non si ripeta più», sottolinea lo spirito del convegno il segretario della Uil Scuola Fvg Ugo Previti che, anche a nome dell’Irase, rivolge un sentito ringraziamento al Sindaco di Gorizia Rodolfo Ziberna e alla giunta che hanno concesso la disponibilità del teatro, aiuto fondamentale per rendere possibile l’iniziativa. Un ringraziamento sentito va anche a tutto il personale della Prefettura di Gorizia che ha fornito il proprio supporto per la realizzazione del convegno.