20 maggio 2018
Aggiornato 23:00
incontro a gorizia sabato 10 febbraio

Il candidato della coalizione di centrodestra alla Camera interviene sulla visita di Orlando

Pettarin: «Dia a Gorizia risposte su carcere e tribunale. Chiediamo incontri da mesi, ministro in città solo per campagna elettorale»

Il candidato della coalizione di centrodestra alla Camera interviene sulla visita di Orlando (© Web)

GORIZIA - «Auspico che il ministro Orlando approfitti della sua visita nella nostra città per dare ai goriziani le risposte che tutti aspettiamo da tempo riguardo il futuro del Tribunale e l’ampliamento del carcere». Così il candidato della coalizione di centrodestra alla Camera dei Deputati per il collegio uninominale Gorizia 2, Guido Germano Pettarin, in vista dell’arrivo nel capoluogo isontino del ministro alla giustizia, Andrea Orlando, che sabato 10 febbraio parteciperà a un incontro pubblico organizzato dal Partito Democratico. «Fa riflettere - prosegue Pettarin - che proprio il ministro Orlando, dopo mesi di richieste per ottenere una risposta su carcere e Tribunale, sia riuscito a liberarsi dai propri impegni per raggiungere Gorizia solo in occasione di un appuntamento di partito, promosso per sostenere la campagna elettorale del Pd e di Giorgio Brandolin».

In attesa di risposte
Per Pettarin, «quella del ministro Orlando è una scelta che, a nostro parere, fa riflettere gli elettori su quale sia l’ordine delle priorità in casa Pd. Ricordarsi della nostra città dopo anni di silenzio ci sembra quantomeno tardivo. Speriamo che il ministro riesca a trovare anche il tempo per rispondere alle domande che Gorizia da tempo gli rivolge, rimaste fino ad oggi senza risposta, sia sul mantenimento del Tribunale e l’ampliamento della sua giurisdizione al territorio del Cervignanese, sia sullo sviluppo della casa circondariale di via Barzellini, per il quale Gorizia è ancora in attesa del 'sì' da parte del ministero della Giustizia in merito alla possibilità di inglobare l’ex scuola Pitteri per attivare progetti di recupero da rivolgere ai detenuti. Un progetto che, per essere concretizzato, ha bisogno soltanto di un’ultima firma che il ministro non ha ancora concesso».

Questione Tribunale e carcere di Gorizia
In chiusura, il candidato di centrodestra si rivolge agli elettori, assicurando che, in caso di elezione a Montecitorio, il futuro del Tribunale e del carcere di Gorizia troveranno sicuramente posto tra le priorità della propria azione parlamentare. «È arrivato il momento di ridare voce a Gorizia e all’Isontino - conclude Pettarin - dopo 5 anni in cui il Governo e il deputato Brandolin si sono dimostrati assenti e incapaci di ascoltare le richieste di questa città e di questa provincia. Quello che oggi sono in grado di promettere è che, a differenza di chi ha rappresentato nell’ultimo mandato i nostri concittadini, sarò presente nelle nostre città, per dare voce al territorio e ai progetti della nostra gente».