16 agosto 2018
Aggiornato 02:30

Guardia di finanza, chiesto il rinvio a giudizio dei due medici assenteisti

Ai due medici sono contestate circa 430 assenze ingiustificate dal 2014 al 2016. Nel febbraio 2017, il Giudice per le Indagini Preliminari, aveva disposto la sospensione dei due dipendenti, per 12 mesi
Guardia di finanza, chiesto il rinvio a giudizio dei due medici assenteisti
Guardia di finanza, chiesto il rinvio a giudizio dei due medici assenteisti (Guardia di Finanza Gorizia)

GORIZIA - A un anno esatto di distanza dalla sospensione dei due medici assenteisti in servizio presso l’ospedale di Gorizia, si sono concluse le indagini preliminari e nei giorni scorsi i Pubblici Ministeri, dott.ssa Laura Collini e dott. Paolo Ancora, della locale Procura della Repubblica, che hanno coordinato le attività investigative della Compagnia della Guardia di finanza di Gorizia, hanno chiesto il rinvio a giudizio dei dottori.

DUE ANNI DI ASSENZE INGIUSTIFICATE - Ai due medici sono contestate circa 430 assenze ingiustificate dal 2014 al 2016, desunte dalle telecamere installate su alcuni accessi all’ospedale di Gorizia, dai gps posizionati sulle autovetture dei due imputati, dagli accertamenti bancari, dai tabulati telefonici, dai pedinamenti e dagli appostamenti, dalle testimonianze ed infine dall’esame delle agende e dalle cartelle cliniche sequestrate a seguito della perquisizione dello studio privato di uno dei due professionisti, da cui è emerso che gran parte del tempo sottratto al lavoro pubblico era destinato alla loro clientela privata, seguita in uno studio di Gorizia.

TRUFFA E FALSA ATTESTAZIONE DI SERVIZIO - I reati contestati sono la truffa e la falsa attestazione in servizio, commessi ai danni dell’Azienda per Assistenza Sanitaria n. 2 'Bassa Friulana Isontina' che, sin dall’avvio delle indagini nel gennaio 2016 da parte della Guardia di finanza di Gorizia, ha fornito piena collaborazione all’Autorità Giudiziaria, licenziando tempestivamente nel marzo 2017 i due dipendenti. Le indagini avevano permesso di accertare che i due medici, per non destare sospetti ed evitare di passare dall’ingresso principale dell’ospedale di Gorizia, dove in tanti avrebbero potuto notarli, avevano adottato l’espediente di assentarsi dal luogo di lavoro allontanandosi da un’uscita di sicurezza a bordo delle proprie autovetture parcheggiate vicino e rientrando dalla medesima porta di emergenza all’insaputa del direttore sanitario e dei colleghi.

DANNO ERARIALE PER OLTRE 600 MILA EURO - Nel febbraio 2017, il Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Gorizia, dott.sa Rossella Miele, aveva disposto la sospensione dei due dipendenti, per 12 mesi, dal servizio presso l’ospedale di Gorizia. Il danno erariale causato dal comportamento dei due professionisti, quantificato in 626 mila euro, è stato segnalato alla Procura presso la Sezione Giurisdizionale della Corte dei Conti competente per il Friuli Venezia Giulia. Adesso toccherà all’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Gorizia valutare autonomamente il comportamento dei due iscritti dal punto di vista disciplinare. L’attività d’indagine della Guardia di Finanza svolta nel settore punta a smascherare i 'furbi' che, approfittando della propria posizione, si arricchiscono ai danni della Sanità pubblica.