24 maggio 2018
Aggiornato 02:01
mercoledì 25 aprile

A Monfalcone è tutto pronto per celebrare la Festa della Liberazione

Sarà una giornata intensa che si articolerà in una serie di momenti partendo da Largo Pacor, a San Polo, sino a Piazzetta Montes, dopo il rientro dal monumento al cimitero di via 24 Maggio

A Monfalcone è tutto pronto per celebrare la Festa della Liberazione (© Shutterstock.com)

MONFALCONE - Il Comune di Monfalcone, secondo un programma consolidato, celebrerà il prossimo 25 aprile la festività dedicata alla Liberazione. La manifestazione si articola in una serie di momenti partendo da Largo Pacor, a San Polo, sino a Piazzetta Montes, dopo il rientro dal monumento al cimitero di via 24 Maggio.

IL PROGRAMMA - A Largo Pacor porterà il saluto un ragazzo dell’Anpi, ad Aris interverrà un rappresentante della Rsu del Comitato Unitario Antifascista dello stabilimento Fincantieri, al Cimitero interverranno i rappresentanti dell’Anpi e del Comune di Monfalcone e in piazzetta Montes il discorso di commiato sarà svolto dal rappresentante del Comune. In ciascun momento ci sarà la deposizione di una corona di omaggio e la benedizione sacerdotale.

MANIFESTAZIONE ISTITUZIONALE E COMMEMORATIVA - Seguendo il criterio del carattere istituzionale che si è inteso dare a tutte le manifestazioni commemorative del Comune, così come avvenuto in tutti gli eventi in precedenza, come nella giornata del ricordo lo scorso 10 febbraio, anche gli interventi previsti il 25 aprile sono quelli dei soggetti istituzionalmente riconosciuti con riferimento alla solennità e al carattere di ciascun momento celebrativo in ordine alla memoria legata alla nostra storia. Altri interventi, senza che ciò possa in alcun modo sminuire il valore che il Comune attribuisce alla ricorrenza, non sono stati previsti per una logica coerenza con il carattere istituzionale e commemorativo della manifestazione secondo le linee generali che il Comune si è dato per tutte le celebrazioni previste. Tale scelta non incide sulla presenza durante le cerimonie, in un ambito di dialogo e di coinvolgimento più ampio, da parte dei rappresentanti dell’Associazione dei Combattenti di Nova Gorica, ovvero di altre rappresentanze che vorranno rendere omaggio ai nostri caduti.