24 maggio 2018
Aggiornato 02:30
Ambiente

Gorizia, Regione Fvg ammessa come parte civile nel processo "Amianto quater"

Le risorse riconosciute a titolo di provvisionale nei procedimenti saranno destinate alle azioni che la Regione mette in campo sul tema sia per la parte sanitaria che ambientale

Gorizia, Regione Fvg ammessa come parte civile nel processo "Amianto quater" (© Regione Friuli Venezia Giulia)

GORIZIA - La Regione Friuli Venezia Giulia è stata ammessa come parte civile davanti al Tribunale di Gorizia nel processo 'Amianto quater' per morti e malati nei cantieri di Monfalcone. Come riportato dall'Ansa assieme alla Regione, rappresentata dall'assessore all'Ambiente Sara Vito, sono stati ammessi come parti civili i sindacati e le Associazioni esposti amianto. «La battaglia contro l'amianto è un dovere morale - ha commentato Vito - e la Regione anche in questo procedimento ha voluto costituirsi come parte civile, perché e importante essere al fianco delle vittime e chiedere giustizia». L'Amministrazione regionale ha deciso con delibera di Giunta che le risorse riconosciute a titolo di provvisionale nei procedimenti, che ad oggi ammontano a 500 mila euro, debbano essere destinate alle azioni che la Regione mette in campo sul tema dell'amianto, sia per la parte sanitaria che ambientale.