17 ottobre 2018
Aggiornato 09:00

Palazzo Coronini: conferenza su una dimora goriziana scomparsa e una visita transfrontaliera

Nell'ambito della collaborazione tra Archivio di Stato e Fondazione Coronini si andrà alla scoperta della storia dei conti Cassini, sulle tracce di una dimora goriziana scomparsa, ricordata nelle guide ottocentesche per il suo pregevole giardino
Palazzo Coronini: conferenza su una dimora goriziana scomparsa e una visita transfrontaliera
Palazzo Coronini: conferenza su una dimora goriziana scomparsa e una visita transfrontaliera (Palazzo Coronini)

GORIZIA - Nell'ambito della collaborazione tra Archivio di Stato e Fondazione Coronini, a corredo della mostra 'L'eredità russa dei conti Coronini', si andrà alla scoperta della storia dei conti Cassini, sulle tracce di una dimora goriziana scomparsa. Importanti diplomatici russi al servizio degli zar imparentati con i conti Coronini, i conti Cassini possedevano infatti una villa a Gorizia, ricordata nelle guide ottocentesche per il suo pregevole giardino. Dove si trovava? Quale era il suo aspetto? A questa e ad altre domande risponderà la conferenza 'Sulle tracce di una dimora scomparsa: la Villa Cassini' che si terrà venerdì 25 alle 17 all'Archivio di Stato, in via dell'Ospitale a Gorizia. Ne parleranno Cristina Bragaglia, curatrice della mostra 'L'eredità russa dei conti Coronini', attualmente allestita a Palazzo, e Marco Plesnicar, archivista. In una conversazione a due voci i relatori si soffermeranno sui legami tra i nobili Cassini e Gorizia e sulle vicende inedite della loro villa goriziana. L'incontro sarà l'occasione anche per vedere una selezione di documenti storici originali.

VISITA TRANSFRONTALIERA - Domenica 27 invece si terrà la visita congiunta transfrontaliera di Palazzo Coronini e Castello di Kromberk. Gli interessati possono scrivere una mail a info@coronini.it o chiamare lo 0481.533485. Già forti di un profondo legame storico, le due sedi museali sono accomunate dal progetto 'Una visita senza confini tra le dimore dei conti Coronini', che prevede sconti e agevolazioni ai visitatori nell'ambito di una collaborazione transfrontaliera che suggella una sinergia avviata lo scorso anno. Una formula già collaudata e apprezzata in occasione di una serie di visite congiunte che sono state organizzate nei mesi scorsi e che hanno registrato il tutto esaurito. Domenica 27 l’iniziativa prenderà il via da Palazzo Coronini alle 17, poi ci si sposterà al Castello di Kromberk con mezzi propri, per partecipare alla visita prevista per le 18.30. Le spiegazioni saranno fornite contemporaneamente in italiano e sloveno: gli iscritti dovranno quindi indicare al momento della prenotazione di quale lingua intendono avvalersi. I biglietti interi costano 8 euro, quelli ridotti, per studenti e bambini, 6, comprensivi in entrambi i casi di un brindisi finale. Domenica 24 giugno si terrà un’altra visita congiunta, iniziando da Kromberk per terminare a Palazzo Coronini.

LA MOSTRA - Al momento Palazzo Coronini ospita la mostra 'L’eredità russa dei conti Coronini. Opere d’arte e oggetti preziosi dall’impero degli zar': con un percorso che, partendo dalle Scuderie, si dipana in tutto il Palazzo, con due nuovi ambienti espositivi creati appositamente per l’occasione, la rassegna intende svelare lo stretto legame tra la famiglia Coronini e il mondo e la cultura russi. La mostra è visitabile da mercoledì a sabato dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18, domenica e i festivi dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19. Visite guidate sono previste il sabato alle 16.30, la domenica e i festivi alle 17.30.