16 agosto 2018
Aggiornato 00:30

20enne friulana finita nella trappola del 'Blue whale'

Le forze dell’ordine indagano per istigazione a suicidio
20enne friulana finita nella trappola del 'Blue whale'
20enne friulana finita nella trappola del 'Blue whale' (Diario di Gorizia)

GORIZIA - Ha ammesso di essere finita nella trappola del 'Blue whale', il 'gioco' online che prevede atti di autolesionismo fino al suicidio, una 20enne di Gorizia ritrovata dai carabinieri a Latiano (Brindisi) con tagli al braccio sinistro e in stato confusionale. I carabinieri indagano per istigazione al suicidio e il 24enne che la ospitava è stato denunciato per favoreggiamento poiché secondo gli investigatori era al corrente della partecipazione della giovane al 'social media game'.

I TAGLI - E’ stata la stessa 20enne a spiegare ai militari le ragioni dei tagli sul braccio e a specificare che la pratica è prevista dal regolamento del gioco. A quanto si apprende, la 20enne ha pubblicato su Facebook le prove di ogni atto di autolesionismo praticato secondo quanto previsto dal 'Blue whale'. La ragazza ora ha raggiunto i genitori in Friuli Venezia Giulia.